Lavora in sicurezza con le scarpe antinfortunistiche

Spesso si sente parlare di incidenti sul lavoro che provocano danni seri, ma praticamente evitabili con un po’ di buonsenso. Lavorare è molto importante, ma spesso ci si dimentica della cara vecchia sicurezza!

Il luogo di lavoro è fonte di incidenti più o meno gravi, ma esistono in commercio dei dispositivi di protezione personale, comunemente chiamati D.p.i., in grado di limitare questi spiacevoli eventi. Le scarpe antinfortunistica fanno parte di questa categoria di dispositivi…proviamo a conoscere meglio questo prodotto.

A cosa servono?

Questo mondo a molti sconosciuti è molto vasto, infatti questo tipo di scarpa non è quello semplicemente usato dai muratori ma trova utilizzo in vari settori. Ritornando al nostro discorso le scarpe antinfortunistica si suddividono in tre tipi: scarpe da protezione, dotate di punta rinforzata sono costruite per resistere alla caduta sul piede di un peso di massimo 20 kg da un’altezza di mezzo metro.

Scarpe di sicurezza, simili in tutto al primo modello ma differenti nell’altezza della caduta che in queste è elevata ad un metro; scarpe da lavoro, pur non essendo dotate di punta rinforzata, sono impermeabili e antiscivolo. I primi due modelli poi possono avere altre caratteristiche protettive aggiuntive.

Chi deve indossarle?

Queste scarpe, per il loro particolare utilizzo, vengono comunemente chiamate dispositivi di protezione individuale. Trovano utilizzo nelle categorie di lavori dove vi è una continua esposizione a determinati rischi prevedibili e l’unico modo per prevenire brutte ferite o quanto meno limitare i danni è indossarle correttamente.

È molto importante l’informazione in questo settore, solo così i lavoratori vengono sensibilizzati all’utilizzo di questi dispositivi. Il lavoratore può chiedere al datore di lavoro l’esonero dall’utilizzo di questo tipo di scarpe di sicurezza, ma la decisione finale spetta al datore che può decidere se autorizzare l’esonero o se possibile trasferire il lavoratore in altro reparto.

Come sceglierle?

Nella scelta sarà determinante il lavoro che andrete a svolgere, infatti in base al tipo di lavoro esistono in commercio diverse calzature…. Vanno dalle scarpe basse, agli stivali…da scarpe totalmente chiuse a sandali ecc. Siete rimasti stupiti vero?

Ciò perché la classica immagine di scarpa antinfortunistica che vi viene subito in mente è quella indossata dall’elettricista! Ciò che ancora vi stupirà è il fatto che esistono alcuni modelli con un design elegante per essere facilmente indossabili con una divisa senza rinunciare per lavorare in sicurezza, ma avere anche un tocco di eleganza! Strano vero?

Non del tutto…siete sicuri che le persone che lavorano negli hotel non hanno diritto alla sicurezza? E gli operatori nel campo sanitario? Una volta che sarete ben informati sull’argomento sarete capaci di distinguere questi dispositivi in molti luoghi che frequentate abitualmente, o semplicemente li troverete nel ripostiglio di casa vostra ignari del fattodi indossare un d.p.i.!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *