Cosa c’è da sapere sui forni ad incasso

È giunta l’ora di dire addio al vostro caro vecchio forno ad incasso e oltre a dover procedere con l’acquisto del sostituto c’è anche da risolvere l’increscioso problema dell’installazione.

Sicuramente vi siete chiesti se è poi così veramente difficile questa piccola operazione o se può essere fatta con un po’ di buono e sano fai da te. C’è chi è disposto a pagare per non doversi imbarcare nell’installazione dell’elettrodomestico, ma c’è chi è disposto a calarsi nell’impresa.

Prima di procedere all’acquisto del nuovo forno è molto importante prendere le misure del vecchio forno….perchè? Semplice pur essendo costruiti con misure standard per essere adatti al vano di qualsiasi tipo di cucina, è importante sapere con precisione cosa acquistare.

Le misure standard più commercializzate sono due: 60 cm e 90 cm. La stragrande maggioranza dei forni in commercio rientra in una delle due categorie, ma sta prendendo piede anche la misura da 45 cm, ideata per cucine con spazi molto ridotti.

Questo tipo di forno non sostituisce il vecchio forno in quanto nei vecchi mobili non esiste un vano adatto a contenerlo. Quelle elencate sono le misure standard più diffuse ma è possibile trovare forni da incasso con caratteristiche diverse.

Come procedere all’installazione

Prima di iniziare ad installare l’elettrodomestico è necessario rimuovere il vecchio. Sicuramente avrete già fatto questo passo quindi procediamo all’installazione. L’installazione è uguale per tutti i forni e comincia allo stesso modo.

Il primo passo da compiere è il montaggio della spina al cavo di alimentazione che generalmente nasce sprovvisto avendo l’accortezza di montare una spina con la resistenza adeguata all’assorbimento massimo. Questo dato generalmente è indicato sul telaio del forno o nel manuale d’uso.

Fatto questo è consigliabile adagiare il cavo di alimentazione per evitare che sia collocato in punti soggetti ad alte temperature.

Procedete quindi ad inserire il forno nel vano avendo cura di garantire sempre una congrua areazione eliminando necessariamente la parete posteriore del mobile e ove possibile collocare il forno in posizione leggermente rialzata per lasciare il fondo del mobile libero.

Ultimi accorgimenti

Assicurarsi che tutte le componenti del mobile, quali pannelli, materiali collanti siano adatti per sopportare una temperatura di 100°C, infine nel caso in cui il forno sia dotato di tasselli laterali sul telaio, dopo l’inserimento del forno nel vano, è necessario aprire lo sportello per poter avvitare le viti nei fori della cornice del forno.

Dopo aver letto queste righe sull’installazione del fono ad incasso vi sarete resi conto che non si tratta di un’impresa titanica, ma semplicemente di un lavoretto che richiede più che grandi conoscenze del settore un po’ di forza e un piccolo aiuto da parte di un’altra persona. Buon lavoro!

Tagliaerba: compagno di lavoro di giardinieri

Sicuramente lo avrete utilizzato innumerevoli volte, ma vi siete mai chiesti se ciò che fate è corretto?L’utilizzo di questo utensile è veramente privo di rischi? Assolutamente no!

Bisogna stare molto attenti perché basta una piccola distrazione per farsi seriamente del male! Il nostro obiettivo oggi è quello di sensibilizzare gli ignari utilizzatori sui rischi che corrono, in caso di scorretto utilizzo…

Limitare l’esposizione a rumore e vibrazioni

Vi è mai capitato dopo aver utilizzato il tagliaerba di sentirvi intontiti a causa del rumore? La risposta è ovvia….solo chi non ha mai falciato il prato con questo attrezzo potrebbe pensare il contrario. Il rumore prodotto dalla macchina in funzione è molto elevato ed una lunga esposizione potrebbe danneggiare il vostro udito!

Per limitare i danni a questo prezioso senso bisogna prendere alcuni piccoli accorgimenti. Se si sta procedendo all’acquisto dell’ utensile scegliere quello con le emissioni sonore ridotte al minimo e acquistare contestualmente i d.p.i. necessari per preservare l’udito. Se siete già in possesso del tagliaerba cercate di utilizzare i d.p.i. e di limitare l’esposizione quanto più possibile.

Le vibrazioni ripetute nel tempo possono provocare seri disturbi di varia natura agli arti superiori! Quindi per prevenire il rischio di incorrere in una patologia è necessario scegliere macchine dotate di dispositivi antivibranti e utilizzare i guanti antivibrazione.

Attenzione alle emissioni gassose

I modelli di tagliaerba a scoppio sono generalmente alimentati a benzina, le cui emissioni sono dannose per il sistema respiratorio e cardiocircolatorio. Per un limitare l’esposizione evitare di utilizzare attrezzature con alti livelli di emissioni gassose, fare sempre una buona manutenzione costante all’attrezzo.

Accendere l’utensile all’aperto, non in ambienti chiusi e possibilmente lavorare controvento. Oltre a questi accorgimenti essenziali è buona norma utilizzare mascherine per proteggersi da polveri ed emissioni gassose.

Evitare contatti pericolosi col dispositivo

Per evitare di provocarsi ferite gravi è necessario conoscere bene le funzioni dell’apparecchio, evitando di entrare in contatto con le parti taglienti, con le parti dell’attrezzo soggette a riscaldamento al fine di evitare inutili e dolorose ustioni.

Inoltre è sempre bene utilizzare il tagliaerba in totale equilibrio e ad una distanza adeguata da persone e cose. Per limitare il rischio è buona norma dotarsi di abbigliamento, scarpe e guanti antinfortunistica.

Vi starete chiedendo di cosa si tratta vero? Semplice! Durante l’utilizzo del tagliaerba è molto frequente che sassi e altro materiale venga proiettato altrove rischiando di ferire o danneggiare persone e cose.

In questo caso è vivamente consigliato l’utilizzo di un casco antinfortunistica, di una visiera e di un abbigliamento tecnico per limitare quanto più possibile i danni da proiezione.

Prenotare un trattamento di bellezza non è mai stato così facile

La tecnologia ha semplificato la vita delle persone e l’utilizzo di internet è a portata di tutti. Comunemente vengono fatti innumerevoli acquisti sul web favorendo l’e-commerce ma qualcuno ha mai pensato alla comodità di prenotare un trattamento di bellezza comodamente da casa?

Quante volte a causa della vita frenetica ci si trova a dimenticare di prendersi cura di se stessi o a non trovare il tempo di prenotare una seduta dal parrucchiere… oggi è possibile programmare il momento di riconciliazione col il mondo del beauty direttamente dal proprio smartphone con un semplice click.

Prenotazione online sì o no?

Il progresso tecnologico ci consente di semplificare la vita, quindi perché non farlo? Se siete smemorate o semplicemente troppo impegnate questa è la soluzione adatta a voi! Con pochi semplici click potrete prenotare il vostro trattamento di bellezza. Nel web ci sono diverse app che consentono di fare questo piccolo ma tanto utile passo.

Per le convinte tradizionaliste questa potrebbe essere l’occasione per scoprire nuove attività che offrono maggiori servizi a prezzi competitivi a pochi passi da casa. Perché fare lunghe code o evitare di prendersi cura di sé per mancanza di tempo? Perché passare giornate incollate al telefono sperando che qualcuno sia disposto ad accogliere la vostra prenotazione?

Prenotare online è la soluzione che calza perfettamente alle vostre esigenze. Una volta rotto il ghiaccio non potrete farne a meno e ringrazierete ogni giorno il progresso tecnologico!

Da dove iniziare?

Semplice! L’occorrente necessario per iniziare è uno smartphone, un tablet o un pc e una connessione ad internet! Una volta in rete scaricate e installate sul vostro dispositivo l’app che ritenete più valida e subito dopo iniziate la ricerca del salone nella vostra zona! L’app vi indicherà i saloni e le informazioni sui trattamenti disponibili con i relativi prezzi… scegliete quello più adatto alle vostre esigenze e prenotate con un semplice click!

Non siete ancora convinte?

La scelta del parrucchiere o dell’estetista è una cosa molto delicata e soggettiva! Spesso perchè le esperienze pregresse insegnano che non bisogna affidarsi al primo che capita!

Prenotando online un trattamento sarete sicuri di essere in ottime mani, in quanto generalmente solo i migliori saloni offrono questo servizio, poi altro punto a favore della prenotazione online è la possibilità di scoprire il salone dei sogni dietro l’angolo e raggiungerlo grazie alle coordinate gps offerte dal servizio.

Infine arriviamo alle note dolenti… come effettuare il pagamento? Niente paura! È possibile pagare in contanti o con carta di credito al momento della prenotazione! In ultimo prenotando online avrete la certezza dell’appuntamento grazie all’invio della conferma e del promemoria che vi verrà inviato in un tempo congruo per ricordarvi dell’appuntamento. Provate e non ve ne pentirete!

Cosa dovete sapere sull’attività commerciale

Spesso nella vita si arriva al punto di sognare di aprire un’attività in proprio, di diventare l’imprenditore di se stessi in modo da poter gestire al meglio la propria attività nel modo più opportuno.

Se il lavoro da dipendente non fa per voi o semplicemente il sogno della vostra vita è crearvi un posto di lavoro la soluzione migliore è mettersi in proprio.

Come fare?

Innanzitutto bisogna avere le idee chiare sul tipo di attività che vorreste svolgere, poi si devono da subito fare i conti col caro vecchio portafoglio in modo tale da valutare in concreto la fattibilità delle vostre idee. Superato lo scoglio economico è importante scegliere il luogo adeguato in cui situare l’attività tenendo sempre conto delle normative vigenti in materia.

Fin da subito è consigliato avvalersi della consulenza di un professionista in modo da effettuare la scelta sul locale più idoneo ad ospitare l’esercizio e per conoscere da subito gli eventuali lavori necessari per adeguare il locale alle normative vigenti.

Nella valutazione del locale risulta essenziale sapere già da subito se in regola e se il proprietario è in possesso della documentazione richiesta per poter avviare l’attività e in caso contrario iniziare a produrre i documenti.

E dal punto di vista fiscale?

Scegliere un buon commercialista è uno degli step fondamentali per far funzionare al meglio la vostra attività. Il professionista da subito dovrà consigliarvi sulla scelta del regime fiscale da adottare e sugli adempimenti necessari per essere sempre in regola e far quadrare i conti senza mettersi nei guai col fisco.

Ma non solo…la sua funzione non deve essere limitata agli adempimenti fiscali ma dovrà consigliarvi su eventuali modifiche da apportare all’attività per renderla maggiormente remunerativa.

Commercio in sede fissa o ambulante?

Altro punto fondamentale della questione è la modalità di svolgimento dell’attività. È possibile infatti svolgere il proprio lavoro in un punto fisso oppure imbarcarsi nel mondo del commercio ambulante.

A prescindere dalla vostra decisione in entrambi i casi è fondamentale che ci sia una sede fisica reale dell’attività, con tutti i costi di gestione che comporta e poi successivamente dopo un periodo di avviamento si potrebbe pensare a svolgere anche altrove il lavoro.

Nella fase iniziale è importante iniziare col commercio in sede fissa in modo da rendersi conto dell’andamento dell’attività in tranquillità e senza dover accollarsi ulteriori costi e preoccupazioni, ma soprattutto è fondamentale iniziare a monetizzare.

Se l’attività risulta remunerativa potreste pensare di iniziare ad informarvi su tutti gli adempimenti necessari per poter svolgere il commercio itinerante e poi in un secondo momento se dalle vostre considerazioni risulta conveniente o siete comunque coraggiosi nell’intraprendere un nuovo percorso, potete procedere con l’acquisto delle attrezzature indispensabili per addentrarvi nella categoria dei venditori ambulanti.